Sfollati Ucraina (Foto da Internet)

La ONG ucraina “Non-formal education 4Y” chiede aiuto per il rifugio aperto a Dnipro

La ONG ucraina “Non-formal Education for Youth” ha bisogno di aiuto per comprare beni di prima necessità per il rifugio per sfollati aperto a Dnipro.

Sfollati Ucraina (Foto da Internet)

Da più di un mese l’Ucraina sta resistendo all’aggressione militare della Russia. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite più di 4,2 milioni di rifugiati hanno lasciato l’Ucraina, mentre 6,5 milioni di persone si trovano sfollate all’interno del paese.

La ONG “Non-formal Education for Youth” ha aperto un rifugio a Dnipro, città dell’Ucraina orientale, per accogliere gli sfollati interni provenienti dalle regioni di Donetsk, Luhansk e Kharkiv. “Non-formal Education for Youth” è un’organizzazione giovanile non governativa senza scopo di lucro. Fondata a Dnipro nel 2010, da dodici anni lavora a livello nazionale e internazionale per favorire la formazione di una comunità giovanile ucraina tollerante, comprensiva e aperta. Prima della guerra NFE 4Y organizzava regolarmente seminari, incontri, corsi di formazione e campi internazionali basati sui principi dell’educazione non formale.

Oggi l’organizzazione ha bisogno di acquistare cibo, prodotti per l’igiene, medicine e altri beni di prima necessità per le persone di cui si prende cura all’interno del rifugio a Dnipro. Per questo motivo chiediamo a chiunque ne abbia la possibilità di donare qualche euro all’organizzazione, che potete conoscere meglio qui.

Informazioni bancarie per i bonifici in euro:

Nome: NGO «Non-formal education for youth»

Codice IBAN:  UA473052990000026009050550311

Nome della banca: JSC CB “PRIVATBANK”, 1D HRUSHEVSKOHO STR., KYIV, 01001, UKRAINE

Codice SWIFT: банку

Codice SWIFT: PBANUA2X

Indirizzo: UA 49100 , Dnipro, Doroshenka 14/35, Ukraine

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Potrebbe interesarti

Articoli Correlati

YOUCAN | KA2 | Primo TMP a Torino

Dal 7 all’8 aprile il consorzio del progetto  YOUCAN si è riunito a Torino (Italia) per il primo Transnational Partner Meeting (TPM). Il consorzio del