lettera

La lettera motivazionale ideale per partecipare a un volontariato europeo o scambio giovanile

Come aumentare le possibilità di essere selezionati per un progetto di volontariato europeo?
La lettera motivazionale è uno strumento davvero importante che aiuta le organizzazioni a scegliere il candidato ideale per un’esperienza internazionale. Ecco perché una buona lettera è la chiave per cominciare la propria avventura
!

lettera

Lettera motivazionale: cos’è?

La lettera di motivazione è un documento personale che permette ai candidati di valorizzare i punti forti del proprio carattere e delle proprie abilità, includendo tutte le informazioni necessarie che aiutano a comprendere il perché il candidato dovrebbe essere una buona scelta per quella posizione.

Regole base per una buona lettera motivazionale  

Per scrivere una buona lettera motivazionale è fondamentale seguire alcune regole:

  • Attenersi ad un massimo di 3-4 paragrafi
  • Non superare la pagina di lunghezza
  • Prendersi del tempo per dare un ordine al discorso e creare una buona impaginazione
  • Inserire tutti i dati personali e quelli dell’associazione a cui fare domanda
  • La lingua in cui si scrive: una lettera dev’essere principalmente in INGLESE o nella lingua del Paese del progetto…mai in Italiano!
  • La lettera dev’essere personalizzata per ogni progetto altrimenti si dimostra poca attenzione
  • Inviare la lettera in formato PDF

A differenza di una lettera motivazionale per una posizione lavorativa in cui si mettono in evidenza soprattutto esperienze professionali e competenze, in una lettera di presentazione per partecipare ad un progetto di volontariato o scambio giovanile è molto importante sottolineare la passione e la motivazione che spinge a voler vivere questo tipo di esperienza. Si tratta quindi di uno strumento in cui puoi descrivere la tua personalità, raccontare le tue  esperienze di vita e di crescita.

Com’è strutturata?  

Quando si scrive una lettera motivazionale è necessario rispondere alle seguenti domande, suddividendo il testo in paragrafi:

  • Chi sono? (breve presentazione di se stessi con dati, provenienza, interessi)
  • A quale progetto mi sto candidando?
  • Perché voglio partecipare proprio a questo progetto?
  • Cosa mi piace di questo progetto/ associazione? (un’ottima mossa è quella di approfondire un po’ di più sul progetto, sui valori e gli obiettivi dell’organizzazione, ecc… )
  • Cosa pensi di poter dare, personalmente e professionalmente, al progetto? Quali sono le mie qualità personali e le mie esperienze passate che fanno sì che sia proprio io la persona che stanno cercando?
  • Cosa pensi che il progetto possa apportare a te, personalmente e professionalmente?

Divisione in paragrafi

Una lettera motivazionale EFFICACE dev’essere molto chiara e capace di attirare l’attenzione degli organizzatori con poche parole ma EFFICACI.

Come già accennato, è bene suddividere il testo in 4 paragrafi.

  • PRIMA PARTE – PRESENTAZIONI

Saluto generale o rivolto ad una persona/ente specific* se si hanno informazioni. Si parte con una brevissima introduzione di se stessi, senza esagerare, con due righe che convincano il lettore ad andare avanti, quindi è possibile utilizzare una frase ad effetto parlando della propria passione ed interessi.

  • SECONDA PARTE – PERCHE’ PROPRIO IO?

Qui è il momento giusto per dimostrare il perché sei tu la persona giusta per il progetto! Sottolineare la buona volontà e l’entusiasmo nel metterti a disposizione dell’organizzazione, ma indicare anche che il progetto è quello giusto per te.

E SE NON HO ESPERIENZA?

Per partecipare ad un progetto di volontariato o scambio giovanile non è imprescindibile avere esperienze professionali o pregresse. Sicuramente ognuno ha già vissuto momenti in contesti non formali, di associazionismo come scout, volontariato, animazione socio-culturale, GREST, oratorio, attività sportive e artistiche, ecc…Ogni esperienza educativa e formativa è importante!

TERZA PARTE – LA CONOSCENZA DELL’ENTE

Una ricerca sull’associazione ospitante è una buona strategia per dimostrare il tuo interesse nei confronti del progetto e dei principi e valori di chi lo coordina.Nonostante sia l’ente a scegliere te, nello stesso tempo è contenta di esser stata scelta dal candidat*.

QUARTA PARTE – CONCLUSIONE

Una conclusione ad effetto, e non il generico “cordiali saluti” è una buona mossa per far sì che l’associazione si ricordi di te!

Se hai già in mente di partire per un volontariato europeo o uno scambio giovanile, non aspettare un momento di più! Candidati e comincia a vivere nuove avventure!

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Potrebbe interesarti

Articoli Correlati

Incontro Speciale sul senso del volontariato

Appuntamento online “Cosa Vuol Dire Essere Volontari?” per riflettere sul significato del volontariato grazie alle testimonianze dai volontari in prima persona, inviati all’estero da Associazione